Adresse Boutique Golden Goose Paris

L’apparenza inganna, e al lettore non serve troppo tempo per accorgersene. La quotidianità del giovane protagonista è infatti ammorbata da una coppia di genitori fedifraghi che sono un esplosivo coacervo di stravaganze e pericolose inclinazioni: mamma ha una piantagione di hashish in cantina, amanti più o meno giovani di entrambi i sessi e più di uno scheletro nell’armadio di cui sbarazzarsi con l’aiuto del malcapitato figlio; il babbo è invece un fallito il cui solo scopo nella vita è quello di ottenere finalmente una parte con battute in pellicole di infimo livello o spot pubblicitari (non ci riuscirà), e che affoga la propria rassegnazione nelle gare di ballo, nelle miscele di rum e Gatorade e in occasionali relazioni con le vecchie compagne di scuola dei figli. Figli, perché nel cast rientrano anche un fratello, Greg, agente immobiliare, e soprattutto il socio di quest’ultimo in affari tutt’altro che leciti, il minacciosissimo Kam Fong.

La nostra vita non nostra perch noi apparteniamo al mondo, apparteniamo gli uni agli altri, lasciamo il segno gli uni sugli altri, siamo solo gocce nell che il ciclo della vita e la nostra dipartita non che un nuovo arrivo, un nuovo inizio e ci che resta il nostro eco, la nostra storia impregnata nelle persone e nei luoghi a cui siamo stati legati.Sembra un concetto semplice da trascrivere in poche righe, ma chi ha davvero, realmente preso coscienza di tutto ci i personaggi di Cloud Atlas. I personaggi intrecciati tra loro nel corso dei secoli che sono riusciti ad apportare un piccolo cambiamento nelle storie, quelli che hanno potuto guidare, anche se in modo pi flebile o pi radicale, gli altri destini, come una cometa da seguire.il film un racconto non solo innovativo, ma epico e magistrale, che spiega in storie ed immagini e suoni l della nostra presenza nello spazio e nel tempo.Inutile raccontare come i personaggi siano stati incredibilmente coinvolgenti e ben studiati, nonch interpretati meravigliosamente da tutto il cast; le scenografie che appaiono allo stesso tempo reali ed irreali, quasi sognanti, incredibilmente poetiche o crude; una colonna sonora che si fa pi vivida ed incredibile solo con il procedere del film, con il comprenderlo, quasi fossimo tutti il giovane compositore Robert Frobisher che la scopre poco a poco come scopre la morale del film. Il mix di questi componenti e una straordinaria regia e sceneggiatura hanno permesso che un capolavoro venisse trasmesso nelle sale cinematografiche, un capolavoro che entra a spintoni nella mente dello spettatore e che questo sia daccordo o no, gli insinua davvero il dubbio che la nostra vita non ci appartenga.Film dignitoso e interessante questo Atlas Tratto dal romanzo di Mitchell, l’ultima pellicola dei Wachowski e Tykwer è lussuosa nella confezione, curata figurativamente, lunga nella durata, articolata e ambiziosa narrativamente, ma anche inevitabilmente fragile, imperfetta, superficiale.

Leave A Reply